domenica 25 giugno 2017

Tagliatelle ai gamberi e succo di arancia

L'estate e il mare sono un connubio perfetto ed anche la cucina estiva sposa questa affinità. Questo piatto è una rivisitazione di una ricetta dello chef Gianluca Nosari, che dapprima mi ha lasciato perplesso, ma poi, dopo averla provata, mi ha lasciato piacevolmente sorpreso ed ho deciso di inserirla nella cucina del monsù.
Foto del Nosari, ma rende bene l'idea
Quindi senza ulteriori indugi, procuriamoci per 4 persone:

  • 500 gr di gamberi di mare
  • 250 gr di tagliatelle all'uovo (fresche o secche oppure altra pasta, fate voi)
  • 100 cc di succo di arancia
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 30-40 cc di olio extravergine
  • 3 cucchiai di passata di pomodoro
  • 3 cucchiai di granella di mandorle tostate
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 gocce di limone
  • origano fresco (un rametto, facoltativo)
  • timo
  • sale
  •  pepe
Ed ora andiamo a cucinare:

  1. Sguscio i gamberi, conservando le teste, li pulisco eliminando il budellino e li metto a marinare in una ciotola insieme al succo di arancia, l'origano, il timo, 2 gocce di limone e un pizzico di sale.
  2. In una padella faccio imbiondire l'aglio nell'olio, aggiungo le teste e i carapaci dei gamberi, tre cucchiai di passata di pomodoro e lascio cuocere qualche minuto sfumando con il vino bianco.
  3. Levo l'aglio e spremo le teste dei gamberi in uno schiacciapatate, raccogliendo i succhi nella padella stessa.
  4. Nel frattempo avrò messo a bollire la pasta in abbondante acqua salata.
  5. Scolo la pasta al dente fermo nella padella, la saltello un attimo, aggiungo i gamberi con tutta la marinata, un po' di scorza di arancia grattugiata, rimesto per un minuto quindi copro con un coperchio per un altro minuto.
  6. Servo con una spolverata di granella e un ciuffo di prezzemolo
Ci bevo del vino bianco, fruttato e freschissimo, come il Fiano di Avellino


Nessun commento:

Posta un commento